Un Brano Contro Le Mafie | 25 anni fa…Via d’Amelio. Memoria e Impegno
Mercoledì 19 luglio 2017 alle ore 20:30, presso il liceo classico “Ennio Quirino Visconti” in piazza del Collegio Romano 4 a Roma, l’evento dal titolo 25 anni fa…Via d’Amelio. Memoria e impegno per commemorare le vittime della strage di via d’Amelio attraverso la testimonianza e il ricordo di istituzioni e associazioni antimafia, con la partecipazione di artisti e la proiezione del corto “Una vita per la Legalità” e la rappresentazione dello spettacolo teatrale “Fimmina”.
19 Luglio, Borsellino, Falcone, Via d'Amelio, Roma, ore 20,30 Roma, liceo classico “Ennio Quirino Visconti”, Memoria e Impegno, Memoria, Impegno, Libera, CEPELL, Municpio Roma I Centro, Osservatorio Tecnico Scientifico per la sicurezza la legalità e per la lotta alla corruzione, Regione Lazio, Lazio Innova, Fondazione sotto i venti, ABC, Arte Bellezza Cultura, Falcone e Borsellino, Paolo Borsellino, 25 anni fa, Fimmina, Sarah Scola, Una vita per la Legalità, LUMSA, Riccardo Mei, Massimo Wertmuller, Clara Rech, Nicola Zingaretti, Giampiero Cioffredi, Sabrina Alfonsi, Romano Montroni, Silvia Albano, Francesco Gonsciu, Alfredo Borrelli, Baldassarre Favara
16177
post-template-default,single,single-post,postid-16177,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
 

25 anni fa…Via d’Amelio. Memoria e Impegno – Comunicato Stampa

MAFIE : MEMORIA E IMPEGNO. LA REGIONE RICORDA LA STRAGE DI VIA D’AMELIO

 

Il 19 luglio di 25 anni fa alle 16.58 una Fiat 126 imbottita di tritolo viene fatta esplodere in via D’Amelio a Palermo uccidendo Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Emanuela Loi, Claudio Traina, Agostino Catalano, Walter Cosina e Vincenzo Li Muli. Una strage che segui quella di Capaci.

“Storie e nomi che sono scolpiti nella memoria collettiva della nostra Repubblica cosi come quelli di tutte le vittime innocenti di mafia.Quegli uomini, oggi, costituiscono punti di riferimento vitali per tutti noi. Ma devono essere, soprattutto, esempi legati dal comune impegno e dai valori che, insieme, hanno testimoniato con la loro  coraggiosa battaglia, per la legalità e la democrazia,  affidando noi il compito di proseguirla” ha affermato Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio

“La memoria di persone come Falcone e Borsellino continua ad accompagnarci nel nostro impegno contro le mafie radicate a Roma e nel Lazio cosi come per la ricerca della verità sulla strategia stragista di cosa nostra nel biennio 92/93” ha aggiunto  Gianpiero Cioffredi, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza e Legalità della Regione Lazio

“ Alimentare la  memoria cosi come ci ha insegnato don Luigi Ciotti  non è soltanto un omaggio doveroso a donne e uomini di grande valore. La memoria di Falcone e di Borsellino comprende per noi  la ribellione civile all’oppressione mafiosa che proprio  da quei drammatici giorni ha avuto un enorme sviluppo in termini di impegno dello Stato.Con la Giunta Zingaretti la Regione Lazio ha fatto una scelta di campo netta contro le mafie la cui presenza nei nostri territori che spesso viene  rimossa e nel migliore dei casi minimizzata”ha proseguito Gianpiero Cioffredi

Non ci stancheremo mai di ringraziare e sostenere l’azione straordinaria  delle Forze di Polizia e della Magistratura. Cosi come non ci stancheremo mai di essere grati al  Procuratore Giuseppe Pignatone e al  Procuratore Aggiunto Michele Prestipino che  hanno  rappresentato in questi anni  una svolta straordinaria nell’efficacia delle indagini contro le mafie nella nostra Regione

La mafia non è solo un potere criminale ma un sistema che riesce a condizionare la politica, l’economia ,la società civile e quindi per combatterla occorre che ognuno con il suo livello di responsabilità si senta protagonista di una battaglia di legalità.

E’ proprio Paolo Borsellino che ospite al  liceo Visconti di Roma  il 4 maggio 1989 rivolgeva un accorato appello agli studenti chiedendo loro di diventare protagonisti della lotta alla mafia.  E’ proprio per questo che la Regione ha  scelto il cortile del  liceo Visconti di Roma  in piazza del Collegio Romano per ricordare Paolo Borsellino nel XXV° anniversario della strage di via D’Amelio.

Mercoledi 19 luglio alle ore 20.30 insieme al  I°Municipio, a Libera al Cepell e Abc la Regione ha  promosso una serata di” letture ad alta voce”con Massimo Wertmuller e Riccardo Mei a cui seguirà il monologo “Fimmina” scritto e recitato  del Vice Questore della Polizia di Stato presso il Ministero dell’Interno Sarah Scola, accompagnato dal musicista Stefano Candida con la Regia di Alessia Tona.  Uno spettacolo quello di Sarah Scola  che fa sorridere ma anche riflettere. Uno spaccato ironico sulla donna siciliana che si conclude con un riferimento autobiografico serio che ci riporta al clima cupo delle stragi mafiose del ’92 e alla ribellione dei giovani siciliani contro Cosa Nostra.

Nel corso della serata ci saranno i saluti: CLARA RECH, dirigente liceo Classico Visconti, GIANPIERO CIOFFREDI,Presidente Osservatorio Sicurezza e Legalità Regione Lazio, ,SABRINA ALFONSI, Presidente I° Municipio,, FRANCESCO GOSCIU , Capo Centro Operativo Dia Roma  , SILVIA ALBANO, Giunta Esecutiva Associazione Nazionale Magistrati, ROMANO MONTRONI ,Presidente Cepell, ALFREDO BORRELLI,Libera, BALDASSARE FAVARA,Presidente Commissione  Consiliare Antimafia Regione Lazio

SCARICA IL PROGRAMMA

 

 



Facebook